Home Chi siamo La storia I Progetti Pubblicazioni Donazioni Contatti News

 

Le Famiglie Da Bernareggio e Della Torre                                                  Precedente Successiva

                    

Scudo con arma dei Torriani (della Torre)                Scudo con arma dei Bernareggio

 

 

 

Tra il 1309 e il 1312 tutto il territorio di Capiate, compresa Villa Capiate, Greghentino e Miglianico, fu venduto dal Monastero di Sant'Ambrogio a Obizzone da Bernareggio e a Febo della Torre (B1 a pag.7 della complessa genealogia famigliare).

A Milano e in tutto il territorio milanese, l'aspra lotta per il predominio tra la  famiglia ghibellina dei Visconti e quella guelfa dei Torriani era giunta al suo apice. Si può ritenere che i della Torre, con l'acquisto del Castello di Capiate e delle terre circostanti, volessero attuare una strategia di controllo del territorio, garantendosi inoltre la proprietà di beni particolarmente redditizi, utili per il loro rafforzamento economico.

Obizzone da Bernareggio era un ricco possidente della zona di Vimercate, disponeva di uomini armati e parteggiava per i Torriani. Febo della Torre era nipote del più famoso Napo e cugino di Cassone, a quel tempo arcivescovo di Milano.

Quando i Torriani furono definitivamente scacciati da Milano (tra il 1311 e il 1324), Febo si ritirò nella zona di Trieste e Aquileia, dove acquistò feudi ed ebbe incarichi podestarili. Morì nel 1328. Febo I della Torre compare nell'albero genealogico dei principi Thurn und Taxis, anche Duchi di Duino, tra i loro capostipiti. I discendenti ancora oggi abitano nel Castello di Duino in prossimità di Trieste.

I Della Torre, dopo la loro cacciata da Milano, furono considerati fuorilegge. Si può quindi ipotizzare che Febo perse il diritto a possedere beni nel Ducato di Milano e, di conseguenza, le terre e i beni di Capiate divennero possedimenti del solo Obizzone. Le ultime notizie a riguardo di quest'ultimo risalgono al 1322 quando conquistò Monza alla testa di diecimila uomini. Ebbe almeno un figlio, forse adottivo, Francesco Foppa Bernareggio, che nel 1376 cedette alla famiglia D'Adda tutto il territorio capiatese proveniente dall'eredità paterna.


Home Su Chi siamo I Progetti Pubblicazioni Donazioni Contatti News

 Copyright Associazione Capiate - Radici nel Futuro ONLUS - cod. fisc. 97643660158
Per problemi o domande su questo sito Web contattare associazione@capiate.org.
Ultimo aggiornamento: 29-01-2018